Sunday, December 5, 2021
Google search engine
HomeNewsÙn esitate à cuntattà a vostra mamma

Ùn esitate à cuntattà a vostra mamma


A mamma di l’autore chjama da u 2019
Emily Gordon

Una volta aghju avutu un ricordu di GoogleCalendar per cuntattà a mo mamma ogni dumenica. Spessu ùn aghju micca. Ùn era micca in l’abitudine di chjamà mi – una certa cumminazione di ùn vulia micca intruduce è, pensu, un restu di i tempi quandu chjamà à longa distanza era caru. U telefuninu chì l’aghju avutu, cù i so numerosi minuti gratuiti, ùn pareva mai fà una impressione, è era raramente carica. A so preferenza era di cumunicà nantu à i so termini è aduprà telefoni fissi. U so telefuninu mi chjamava in ocasioni, ma era solu ella chì m’avvisava di a caduta di u so Internet o di a linea fissa.

Ogni volta chì a chjamava, però, era piacè di sente da mè, è avemu avutu una conversazione ottimista, ricca è divertente piena di pulitica, libri è riviste. Calchì volta m’hà aghjurnatu nantu à i so vicini riflessivi è / o eccentrici in a municipalità di Vermont induve s’era mossa dopu chì a mo surella Kate è aghju lasciatu a nostra casa in Madison, Wisconsin. Aghju pruvatu à ùn interrompe micca – unu di i mo terribili abitudini – è ùn m’hà mai interromputu. Senza filler è digressioni parentesi, hà parlatu cù una voce chjara è intelligente.

Ella ùn hà micca dumandatu dumande persunale, è ùn hà mai dumandatu perchè ùn aghju micca chjamatu o visitatu più. Eru quellu chì mi imponeva sempre à ella, ancu s’è una volta ch’e aghju ghjuntu, era felice di vedemi è mi misi à travaglià à tirà i rosi salvatichi o à cullà – è cuntà ! – centinaie di noci neri da sottu à l’arbulu in u so picculu giardinu di fronte.

L'autore (a diritta) è a so mamma à u Brooklyn Botanic Garden in u 2010.

Right: L’autore è a so mamma, à u Brooklyn Botanic Garden 2010.
Kate Gordon

Ancu s’ellu mi sò persu nantu à a strada di Vermont (finiscendu nantu à una strada di campagna longa è lenta dopu avè acquistatu gasu in una piccula cità senza serviziu GPS, dì) è era ore più tardi di ciò chì avia previstu, ùn hà micca tenutu. hè contru à mè. Ùn mi ricordu micca ch’ella hà purtatu alcunu di i mo tratti sgradevoli o sperienze di vita, salvu s’ellu era cum’è un scherzu cumuni, un riff affettuosu è gentile.

Cume a stufa di legna mi scaldava u spinu, era bughju è avemu da leghje inseme finu à u ghjornu dopu. Cù un pensamentu rapidu o una fotografia da u mo telefuninu, interromperaghju a so lettura. Eru un piacè di esse cun ella, è hà amatu di lascià mi andà per vultà à a so vita perfettamente urdinata.

E so cumpetenze di email eranu eccezziunali, è era ancu una bona scrittrice di lettere. Ella hà sempre rispostu à i mo e-mail cù risposte divertenti è dettagliate. L’ultimu email chì hà mandatu era una risposta à u mo missaghju annantu à a morte recente di u figliolu di un amicu. Era una risposta corta, ma ùn era micca difficiule per mè micca di risponde, forse per via di quantu era tristu u tema è a nota inusualmente dettagliata.

Quandu hè stata trovata morta per cause scunnisciute (probabilmente legate à u core) u frivaru passatu, ùn l’avia micca chjamatu in trè settimane, pensu. Hè divertente ciò chì una linea di risata “chjamà a vostra mamma”. Ma fate – sè vo avete unu, è vulete esse in cuntattu cun ella, chjamate. Pudete ancu chjamà una volta à settimana. Soprattuttu s’è vo site un procrastinatore cum’è mè, è preferite chjamà cù una bona nutizia o qualchì realizazione o osservazione brillanti, o per scopre una grande storia o memoria. Chjamate per ghjunghje. Forse u vostru babbu hè a persona giusta per chjamà. Puderete ancu ghjunghje à a vostra surella. O un caru amicu chì hè cum’è un babbu o una surella.

L'autore è a so mamma circa 1972

In 1972, l’autore è a so mamma.
Thomas Montgomery

Oghje, eru fora in u boscu è sentu u desideriu di chjamà u mo amicu. Ddu opportunità, quellu numeru nantu à u mo telefunu, quellu spur-of-the-moment catch up, mi mancherà. Ùn eramu micca u tipu di mamma è figliola chì eranu “miglii amichi” è spartevanu tuttu. Manca appena. Eramu boni amichi è avemu avutu assai piacè di parlà à u telefunu. (U più impurtante, era un piacè di parlà cun ella. Quandu si trattava di qualcosa ligata à a so salute – era un fumatore è un bevitore malgradu, o forse per via, sopravvive à u cancer pancreatic – o soldi, puderia esse abbastanza snippy è curta. ) Chì strana cosa di pudè perdi sta ora chjuca ma significativa (o ancu a chance d’una ora) una dumenica !

In stu secondu annu di a so assenza, e vacanze s’avvicinanu è mi ritruvu à mezu à i tanti dolenti chì si dumandanu ciò chì ci face cusì persu. I ricordi di l’inguernu cumincianu in a zitiddina è poi svanisce bruscamente o in un certu puntu. Forsi vulemu sapè di più nantu à una foto di u passatu, sente quale hè visitatu u birdfeeder, paragunate note nantu à tempeste di neve o drammi di famiglia. I boni stori sò quant’è variati è impurtanti cum’è i cattivi. Tutti cuntribuiscenu à quale simu. Ci hè qualcosa di sacru nantu à a nutizia più simplice, lanciata in una chjama rapida in una caminata in un altru locu.

A mamma di l'autore nantu à a so veranda in Barton, Vermont

A mamma di l’autore nantu à a so veranda, Barton Vermont
Emily Gordon

Ci hè un cartone di New Yorker (a mo mamma era u lettore più fideli è cumpletu di a rivista mai – senza cuncorsu) chì sò sicuru ch’ella hà trovu divertente, è in nisun modu per via di a mo surella o di mè. In questu, una vechja cù una canna fighja in a so cassetta di posta viota è kvetches, “Sacrebleu! Di novu cù u nulla, è u mo anniversariu, ancu! A didascalia: “Le lettere di Jean-Paul Sartre à a so mamma”.

Seriu, ghjente: aghju amatu u mail di lumaca. A mo mamma l’era piaciuta quant’è madame Sartre. Puderia esse una bona idea di piglià a dumenica per mandà una lettera à a vostra mamma. Solu bisognu di un timbru è dui minuti per creà una cartolina postale. Hè divertente cumprà unu, scrivite una frase o duie, è lasciate in a mailbox. Puderia ancu mette in u so frigorifero. Ùn ci hè un onore più grande chè quellu.

Emily Gordon, frà altri, hà cuntribuitu à Air Mail Weekly è The Common Reader. I so puemi sò apparsu in riviste cumprese The Baffler è Women’s Review of Books. Attualmente risiede in New Haven (Connecticut).

Avete una storia persunale convincente chì vulete vede publicataHuffPost: Scopri ciò chì cercemu quì È mandateci un pitch.

Fonte: HuffPost.com.

Condividi u vostru Cumentu sottu

U post Ùn esitate à cuntattà a vostra mamma apparsu prima in Breaking News.



Source: https://gt-ride.com/do-not-hesitate-to-contact-your-mom/

gt-ride.com

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments